News

Maltempo, 36 ore di tregua prima di un nuovo peggioramento

today30/10/2018

Sfondo
share close

TOSCANA – Dopo il maltempo che ha flagellato ieri la Toscana – per fortuna senza vittime – si cerca di tornare alla normalità grazie anche miglioramento delle condizioni meteo, ma non senza difficoltà: stamani erano oltre un migliaio gli interventi ancora da effettuare da parte dei vigili del fuoco, le cui squadre hanno lavorato per tutta la notte, aiutate anche da personale arrivato da Marche e dell’Emilia Romagna. Decine di migliaia le utenze elettriche al buio a causa delle centinaia di alberi caduti sui cavi elettrici – 10 mila nella sola provincia di Grosseto, 7.000 nell’aretino.

Oggi scuole ancora chiuse in molti comuni, da Cecina a Grosseto. In particolare sofferenza proprio le zone costiere, dove hanno soffiato venti fino a 175 e i litorali tra l’Elba e la Maremma sono state colpite da onde alte anche diversi metri. L’isola di Capraia è ancora isolata, mentre in mattinata sono ripresi i collegamenti marittimi con l’Isola d’Elba, dove ieri le mareggiate hanno creato danni alle strutture portuali a Rio Marina e Marina di Campo.

La Provincia di Grosseto, con 12 strade extraurbane chiuse e pesanti danni a Grosseto, Follonica e Monte Argentario, ha chiesto lo stato di calamità naturale. Danni si registrano anche ai porti, agli stabilimenti balneari e alle spiagge attrezzate della costa e del Giglio.

Oggi la situazione meteo concederò alla nostra regione una breve pausa, ma secondo le previsioni del Lamma il tempo è nuovamente destinato a peggiorare nelle prossime 36 ore, con il ritorno delle piogge già da domani, con un netto peggioramento ddalla serata di domani dal mare: attenzione alta sarà rivolta alle zone già colpite – in particolare quelle delle Apuane e della Lunigiana – dove a causa il terreno impregnato d’acqua potrebbero verificarsi di nuove frane, smottamenti, crolli e allagamenti.

Proprio in Lunigiana, ieri l’allarme poi rientrato per l’innalzamento del Magra ha costretto 36 persone all’evacuazione delle proprie case. A Rosignano e Orciano pisano paura per due violente trombe d’aria. A Lucca il vento ha scoperchiato un palazzo, ad Arezzo un supermercato. Infiltrazioni d’acqua si sono registrate nel Duomo di Siena e all’ospedale delle Scotte.

A Firenze, dove ieri 20 alberi sono stati abbattuti dal vento – tra cui 5 cipressi nel parco di Boboli, ieri precauzionalmente chiuso – ed è collassato un pallone di copertura della piscina Costoli, si lavora per il ripristino delle strade.

In Mugello un vento fortissimo (158 kmh su Monte Giovi) e forti piogge hanno creato numerosi problemi oggi in Mugello. Segnalate piante e rami caduti per il forte vento e strade allagate. Black out nelle frazioni di Luco, Grezzano, Panicaglia e Ronta a Borgo San Lorenzo e nel comune di Vicchio per interruzione energia elettrica. A Firenzuola segnalazioni di allagamenti; strade allagate e copertura laterale divelta al campo sportivo San Piero nel comune di Scarperia e San Piero. Alberi caduti anche a Barberino e Vicchio. Chiuse a Borgo San Lorenzo due strade – Borgo-Luco

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

“La tav fiorentina come la Tap, il governo sblocchi l’opera”

FIRENZE - "Caro ministro Toninelli, vieni a vedere il paese reale, in che condizioni siamo". Sulle grandi opere va all'attacco Dario Nardella, sindaco di Firenze, partecipando al sit-in organizzato dal gruppo consiliare Pd davanti ai cantieri di quella che doveva esser la futura stazione Tav. Nei giorni scorsi la notizia che nelle carte inviate dal Ministero dei trasporti a Rfi anche la richiesta di una revisione dell'intero progetto della Tav […]

today30/10/2018


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%