News

Sanità. La riforma Rossi piace a destra, non ai medici

today21/10/2014

Sfondo
share close

ospedale corsiaFIRENZE – Critiche e resistenze da parte di medici e sindacati, apprezzamento dalle forze politiche moderate e d’opposizione. Provoca reazioni opporste e contrastanti, il progetto di riorganizzazione della sanità toscana proposta dal governatore Rossi che prevede la riduzione a 3 Asl e l’introduzione di super-ticket per i redditi medio-alti per le prestazioni sanitarie. Il sindacato dei medici Anaao Assomed critica in particolare l’accorpamento tra Asl e aziende universitarie e parla di “gigantismo istituzionale” che va a stressare senza avere la certezza di migliorare l’assistenza”. Stessa preoccupazione dal sindacato Cimo, che denuncia: “Si mette tutto in mano agli universitari”.

“Renzi demolisce i diritti nel lavoro, Rossi la sanità toscana” attacca il gruppo di Rifondazione Comunista in Consiglio Regionale. Piace invece il progetto di riorganizzazione alle forze di centro e centro-destra. Quella di Rossi, è una riforma proposto nel 2012 commenta il consigliere regionale di FI Stefano Mugnai. “Assolutamente da condividere e da approvare con urgenza” per Marco Carraresi dell’Udc. Di “svolta coraggiosa” parla l’ex leghista, ora gruppo Più Toscana, Gianluca Lazzeri.

Per rispondere alle critiche governatore il Rossi oppone la linea realista: “I tagli ci sono – ha replicato – e bisogna fare in modo che si mantenga la qualità e che ci sia giustizia sociale. Rifardo il il suiperticket poi “Chiediamo un sacrificio ai redditi medio-alti. Non mi sembra drammatico”. “La sanità tocana si conferma la migliore d’Italia. E io vorrei che si tenesse ancora a questo livello” ha aggiunto. Il riferimento è ai risultati del Programma Nazionale Esiti 2014, che per il 2/o anno pongono la Toscana al top, dato che risulta la regione con la più bassa percentuale di indicatori negativi (9%) e tra quelle con la più alta percentuale di indicatori migliori rispetto alla media nazionale (27%, seconda solo alla Valle d’Aosta, che ha il 29%).

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

Inchiesta tunnel Tav. 33 indagati dalla procura

FIRENZE - Traffico illecito di rifiuti, associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, frode e truffa. Sono alcuni dei reati ipotizzati nell'inchiesta sul sotto- attraversamento fiorentino della TAV. Ben trentatré le persone destinatarie di avvisi di indagine da parte della procura di Firenze, tra cui la ex presidente di Italferr, Maria Rita Lorenzetti, dirigenti del consorzio Nodavia, che si era aggiudicato l'appalto, e dirigenti del ministero delle infrastrutture, come Ettore Incalza e Giuseppe […]

today21/10/2014


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%