News

Una rete di 1.000 sensori di monitoraggio per i possibili danni Tav alla tramvia. Coord. No Tav: “Ennesimo spot” – ASCOLTA

today23/02/2024

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Tiziano Cardosi, Coord. No Tunnel Tav, 23 febbraio 2024

*

FIRENZE – Una rete di “1.000 occhi” per monitorare gli effetti sulla tramvia fiorentina dei lavori de tunnel TAV: è il piano di monitoraggio annunciato ieri da RFI dopo le preoccupazioni emerse sulle possibili interferenze dei lavori del passante sotterraneo dell’Alta Velocità sulle linea tramviarie esistenti e in costruzione.  Concretamente prevede rilevamenti degli eventuali spostamenti di sede tranviaria con oltre mille dispositivi specifici: la frequenza del monitoraggio varierà in funzione della vicinanza con la fresa, arrivando a un rilevamento ogni 15 minuti. I controlli saranno fatti anche sui dispositivi della rete di alimentazione della tramvia, dunque sui pali e i ganci collocati sugli edifici.

“L’ennesima iniziativa pubblicitaria: più mille occhi, ci vorrebbero mille mani”, “per sostenere la tramvia quando i tunnel Tav passeranno sotto” replica Tiziano Cardosi, Coordinamento No Tunnel TAV, che giorni fa ha raccolto e rilanciato le segnalazioni dei danni alle case nella zona di via Botticelli per lo allo scavo del tunnel TAV: “Dai documenti di progetto risulta chiaramente che c’è un rischio di subsidenza di 5-6 centimetri, che sarebbe incompatibile con il passaggio del tram”.

Due giorni fa il Coordinamento ha organizzato un incontro pubblico presso la sala della parrocchia dell’Ascensione a Rifredi, cui hanno preso parte circa 150 persone, in gran parte delle famiglie che hanno le case lungo il tracciato dell’alta velocità. “C’è preoccupazione e anche paura per molti, gli edifici a rischio sono 350 e migliaia le persone coinvolte” dice Cardosi, spiegando di aver consigliato  ai cittadini di organizzarsi collettivamente: “Sarà necessario realizzare uno staff di tecnici e legali che monitorino l’andamento dei lavori e dei possibili effetti. Occorreranno risorse economici, i committenti e gli esecutori dei lavori devono prendersi l’onere di finanziare il tutto. I soggetti politici che hanno sollecitato i lavori obblighino i responsabili”.

Inoltre, aggiunge il comitato, i tecnici dovranno realizzare anche un archivio dei dati di monitoraggio e di esecuzione dei lavori “in vista di un loro possibile utilizzo in sede di richiesta di risarcimento”, perché a Firenze “i danni sono previsti dal progetto stesso a diverse centinaia di edifici, cioè migliaia di unità immobiliari. Si avvia un percorso in questo senso da portare avanti prima possibile”.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

Multiutility, Sinistra Progetto Comune ricorre al Tar: “Negato l’accesso agli atti su compensi e benefit dirigenza” ASCOLTA

* FIRENZE - Sinistra Progetto Comune ha depositato un ricorso al Tar della Toscana "dopo l'ennesimo rifiuto da parte di Alia a una nostra richiesta di accesso agli atti". A darne notizia i consiglieri comunali di Spc a Palazzo Vecchio Dmitrij Palagi e Antonella Bundu. "Andare per le vie legali però costa - aggiungono in una nota -. Siccome la nostra decisione è politica, abbiamo scelto di chiedere alle persone […]

today23/02/2024


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%