News

Sicurezza sul lavoro, Cgil e Uil verso lo sciopero generale l’11 aprile. Rossi (Cgil Toscana): “Dopo via Mariti dal governo risposte inadeguate” – ASCOLTA

today21/03/2024

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Rossano Rossi, segr. Cgil Toscana, 21 marzo 2024

*

FIRENZE – Uno sciopero generale l’11 aprile e una manifestazione-corteo a Roma il 20 aprile: queste le ipotesi allo studio di Cgil e Uil per la mobilitazione unitaria che i due sindacati stano portando avanti sui temi della sicurezza sul lavoro rilanciati a seguito della strage dei 5 operai morti nel cantiere di via Mariti a Firenze. L’annuncio arriverà domani proprio da Firenze, dove con lo slogan “Adesso basta! Sicurezza sul lavoro e rappresentanza” è convocata l’assemblea di 1500 delegati e rappresentanti per la sicurezza (dalle 10 alla stazione Leopolda) alla presenza dei segretari nazionali Pierpaolo Bombardieri e Maurizio Landini e si definiranno gli ultimi dettagli e la piattaforma delle rivendicazioni.

“Dopo la strage di via Mariti, poco o nulla si è mosso da parte del governo” dice stamani a Novaradio il segretario regionale Cgil Rossano Rossi, ribadendo le richieste dei sindacati – norme più stringenti in cantiere, più trasparenza, più controlli e più coordinamento tra gli enti di controllo – e l’inadeguatezza delle risposte finora arrivate dall’esecutivo. Ad esempio sulla proposta fatta riguardo alla “patente a punti” per le imprese: “E’ offensiva perché costa meno perdere punti per un incidente mortale che non investire sulla sicurezza. Questa è la considerazione che c’è della vita umana di chi pensa queste cose”. Non basta prevedere semplici sanzioni amministrative o pecuniarie, dunque, ma deve essere introdotto il reato di omicidio colposo sul lavoro, ribadisce Rossi, aggiungendo: “In parlalleo, ma strettamente legato alla sicurezza c’è il tema della precarietà, del lavoro povero e della deregolamentazione: “La disoccupazione e i bassi salari le persone sono costrette ad accettare un lavoro purchessia, e spesso questo vuol dire minore sicurezza”.

Qualcosa si muova, ad esempio con l’accordo sul “cantiere trasparente” tra sindacati e Comune di Firenze: “E’ un primo passo – dice Rossi – stiamo lavorando ad una Carta dei servizi del Comune di Firenze così come stiamo lavorando ad un accordo analogo con la Regione Toscana”.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

Cultura

Disabili protestano davanti a Regione per la “Vita Indipendente” e Giani fissa un incontro – ASCOLTA

FIRENZE - Ripristinare la dicitura 'vita indipendente' nella delibera regionale 1577/2023 e aumentare gli stanziamenti regionali per l'assistenza delle persone con disabilità. È quanto chiede l'Associazione Vita Indipendente Onlus che ha promosso una protesta oggi a Firenze, a cui, è intervenuto anche il presidente della Toscana, Eugenio Giani, invitando i manifestanti a un incontro nei prossimi giorni. Stamattina alcune decine di persone disabili, con familiari e caregiver (le persone che […]

today20/03/2024


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%