News

Sara Funaro a Novaradio: “Case, social housing, servizi di prossimità: la mia ricetta contro caro-affitto e l’overtourism” – ASCOLTA

today21/06/2024

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Sara Funaro, candidata sindaca Firenze, 18 giugno 2024

*

FIRENZE –  “Invitiamo tutti i cittadini a votare, è un diritto e un dovere con cui si esercitano le scelte”. A pochi giorni dal ballottaggio parte da un’appello al voto Sara Funaro, candidata sindaca del centrosinistra, stamani ospite di Novaradio. Il ballottaggio si tiene il 23 e il 24 giugno, in concomitanza con la festa del santo patrono, i 10 punti di vantaggio del primo turno sono storia passata, e il timore di un calo della affluenza è forte: “Lunedì si vota solo fino alle 15” ricorda a quei cittadini che, dice, negli incontri pensano ci sia “tempo” fino alla sera per votare.

Poi Funaro si concentra sul programma: caro-affitti, studentati pubblici, overtourism, tutela dell’artigianato e del commercio tradizionale. E snocciola i numeri degli impegni: 7 milioni già stanziati per la ristrutturazione di alloggi ERP e finanziamenti costanti per rimetterli sul mercato; progetti di housing sociale nei “contenitori vuoti” per la fascia intermedia di chi no riesce a permettersi affitti a prezzo di mercato; un contributo affitto strutturale. Sulla odinanza anti-airbnb, Funaro ribadisce che se il TAR dovesse bocciare la norma ritenendola non ancora in vigore, dice “andremo avanti” riapprovandola. Sul fronte studentati, ricorda i progetti in corso per Lupi di Toscana, Villa Monna Tessa, San Salvi che permetteranno di metterne a disposizione “alcune centinaia” nei prossimi anni. “Un piano da oltre 100 milioni di euro per dare risposte a 12 mila cittadini”.

Più in generale, riguardo il tema dell’overtourism e dei suoi effetti, Funaro spiega: “Dobbiamo lavorare per un’offerta culturale diffusa sul territorio metropolitano, ma anche lavorare sui servizi. La città è degli studenti e dei cittadini se garantiamo servizi: trasporti, abitare, difesa dei negozi di vicinato, case della salute, ospedali di comunità”.

Dopo aver incassato l’appoggio da parte della candidata sindaca di Italia Viva, Stefania Saccardi e di quello del M5s, Lorenzo Masi, improbabile appare una possibile intesa con Firenze Democratica di Cecilia Del Re, che nei giorni scorsi ha chiesto l’apertura di un tavolo su quattro punti: fiscalità progressiva, piano casa “stile Vienna” (case popolari), chiusura del portale “Invest in Florence”: “Ci rivolgiamo ai fiorentini” ribadisce, ricordando però di aver apprezzato la proposta di “innovation center all’Osmannoro” di Del Re. Anche su fronte dei contenitori vuoti prende un impegno: non solo destinazione pubblica per Sant’Agnese, Montedomini, Lupi di Toscana, ma anche sull’ex ospedale San Giovanni di Dio: “Incontrerò la Asl perché sia destinato a servizi sanitari e social housing”.

Riguardo alla vicenda dell’ex distretto militare di Santo Spirito al centro di un progetto che prevederebbe la creazione di una Rsa di lusso, e la “minaccia” del priore di Santo Spirito di voler abbandonare il convento, per Funaro c’è ancora spazio per trovare una soluzione: “Ci solo interlocuzioni” spiega, confermando che gli uffici tecnici stanno valutando se il progetto deve essere aggiornato al nuovo POC.

Funaro risponde anche sulla vicenda della base NATO a Rovezzano: la questione “è in mano ai ministeri” ma “se sarò eletta sindaca ci sarà sicuramente la mia interlocuzione con i ministeri per avere tutte le rassicurazioni che chiedono i cittadini sulla base Nato”. “Firenze – scandisce – rimane e rimarrà sempre città di pace”, ha ribadito Funaro.

Per la chiusura della campagna elettorale il 20 giugno alle 18, a Le Murate, ci saranno Stefano Bonaccini, Antonio Decaro, Giorgio Gori, Camilla Laureti e Dario Nardella e il giorno dopo, venerdì 21 giugno, alle 21, “grande chiusura” in piazza Santissima Annunziata con la segretaria del Partito Democratico Elly Schlein.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

Premierato e autonomia, il giurista Luigi Ferrajoli: “Involuzione fascista funzionale alla subalternità ai mercati” – ASCOLTA

* FIRENZE - "E' un'involuzione fascista, il precedente del Premierato è precisamente il governo Musssolini C'è la realizzazione del modello teorizzato da carl Schimidt nella idea che un capo possa rappresentare la complessità della società. E' un'idea identitaria, nazionalista, parafascista della rappresentanza, che non solo sconvolge l'equilibrio dei poteri", "ma è anche la forma di governo più funzionale alla subalternità ai mercati". Così Luigi Ferrajoli, insigne giurista e filosofo del […]

today21/06/2024


0%