News

Leopolda 2016, tra terremoto e referendum

today03/11/2016

Sfondo
share close

renzi leopolda 2015-2FIRENZE – “E adesso il futuro”. E’ questo lo slogan scelto per la Leopolda 2016, che si terrà da domani a domenica a Firenze.

A parlare del programma della tre giorni  è stato ieri lo stesso Matteo Renzi nella sua Enews: “Venerdì sera discuteremo soprattutto di terremoto, protezione civile, terzo settore, leggi sociali, volontariato. Lo faremo a qualche giorno di distanza dal terremoto e a cinquant’anni dall’Alluvione di Firenze. Chiuderemo i lavori con una bella spaghettata all’amatriciana di solidarietà”.

E’ dunque lo stesso premier e segretario Pd a svelare come il focus originario dell’edizione numero 7, inizialmente pensata per “lanciare la volata” per la campagna del sì al referendum costituzionale, si sia arricchito di un nuovo tema dettato dall’attualità. tema che sarà comunque centrale nella giornata di sabato, con i consueti “tavoli” di discussione e proposta.

L’apertura sarà affidata a Matteo Richetti, per unaprima giornata che vedrà in agenda la questione terremoto, protezione civile, terzo settore, leggi sociali, volontariato. Sabato pomeriggio, ci sarà l’intervento di Brunello Cucinelli, l’imprenditore umbro che ha lanciato il progetto di ricostruzione  per Norcia. Quella che si apre venerdì, sarà la settima edizione della Stazione Leopolda, l’annuale raduno dei renziani. A Renzi toccherà la chiusura dei lavori con l’intervento di domenica alle 12.

Sarà invece sabato la giornata della contestazione, con il corteo “No a Renzi” che alle 15 si snoderà da Piazza San Marco, organizzata dal comitato “Firenze dice No”. Sarà una piazza composita, spiegano gli organizzatori, ci saranno realtà territoriali, comitati contro le devastazioni ambientali, inquilini, studenti, e non può che essere così. “Questa città è stanca, vuole dare un segnale – dicono – Renzi deve smetterla di scappare dal confronto. Sabato racconterà di un paese che non esiste”.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

Terremoti, nessun legame tra Toscana e quelli Umbria-Marche

AREZZO - Non c'è nessuna relazione fra i tre terremoti di magnitudo massima 2,8 avvenuti nella notte in Toscana, nella zona di Arezzo, e la sequenza in atto nell'area compresa fra alto Lazio, Umbria e Marche: lo ha detto il sismologo Salvatore Mazza, dell'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). "Non c'è nessun nesso di causalità fra le scosse di Arezzo e quello che accade in Italia centrale: sono terremoti […]

today03/11/2016


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%