News

“Il nuovo piano rifiuti? Bene lo stop all’inceneritore, ma si poteva fare di più” – ASCOLTA

today12/07/2019

Sfondo
share close

FIRENZE –  Un piano realistico ma poco ambizioso, in cui si apprezza l’abbandono dell’incenerimento dei rifiuti ma dove di poteve osare di più sia sulla diferenziata, sia sul porta a porta, sia sul riciclo “pulito” dei materiali.

E’ ambivalenteil giudizio di Davide Pagliai delle “Mamme no inceneritore” sul nuovo piano perla gestione dei rifiuti solido urbani lanciato da Comune di Frenze e Alias spa. “Il punto più importante è senza dubbio la cancellazione definitiva dell’inceritore di case Passerini per cui ci battiamo – afferma – e sentire per la prima volta in 5 anni dal sindaco di Firenze dire che l’inceneritore non si farà è una grande soddisfazione”

>>> Clicca per ascoltare Davide Pagliai delle “Mamme no inceritore”

Riguardo gli obiettivi individuati dal piano di qua al 2024 – ovvero 70% di differenziata, 55% di riciclo – invece per Pagliai si poteva fare di più. Non piace neppure la strategia “a geometrie variabili” che combina i cassonetti nelle zone popolose e il porta a porta in quelle a bassa urbanizzazione.  “L’esperienza maturata negli anni passati  dalle aziende confluite in Alia – spiega – dimostra che  l’unico modo per ridurre l’indifferenziato è il porta a porta generalizzato, e che funziona anche in comuni popolosi, come Prato”. Garbano poco anche i “cassonetti intelligenti”: “Sembra più in una strategia commerciale che industriale”.

Da questo ragionamento derivano anche i dubbi sull’impiantistica prevista: con una strategia di riduzione spinta dell’indifferenziato, e una maggiore attenzione al recuipero della plastica per manufatti, anche il revamping di Case Passerini per la produzione del CSS (combustibile  solido secondario) potrebbe essere evitato; allo stesso modo anche i “biodigestori” previsti a Montespertoli e Peccioli vanno bene a patto che siano alimentati solo da rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata. Ancora più critiche suscita l’annunciato progetto di bioraffineria a Livorno: “E’ solo un restyling dell’attuale impianto Eni – dice Pagliai – così passa il messaggio che possiamo continuare a produrre plastica perché poi la trasformiamo in carburante, senza però dire che ci sono comunque scarti ed emissioni”.

 

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

Ecomafia 2019, illeciti in calo in Toscana ma la situazione resta grave – ASCOLTA

FIRENZE - La Toscana rimane la prima regione del centronord per infrazioni e reati ambientali, subito dopo le aree a tradizionale penetrazione criminale (Sicilia, Campania, Calabria, Puglia e Lazio), nonostante il fenomeno nell'ultimo anno abbia registrato un generale decremento. A dirlo i dati toscani del Rapporto ecomafia 2019 curato da Legambiente. Gli illeciti contro l'ambiente sono passati da 2.138 a 1.836 - in linea con la media nazionale - e […]

today12/07/2019


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%