Cultura

Resistenza, raccolta fondi per digitalizzare l’archivio dell’Istituto Storico Toscano. Chiti: “Preoccupa l’ ‘afascismo’ di chi nega i valori del 25 Aprile” – ASCOLTA

today22/04/2024

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Vannino Chiti, Pres. Istituto Stoico della Resistenza in Toscana, 22042024

  • cover play_arrow

    Claudio Vanni, resp. comunicaz. Unicoop Firenze, 22042024

FIRENZE – “Oggi siamo in presenza di una situazione in cui ci sono minoranze, da non sottovalutare, che si mettono la camicia nera e fanno il saluto romano: non vanno sottovalutate e andrebbe applicate le leggi che ci sono come la Legge Scelba. Ma quello che preoccupa moto e chi pratica l’ ‘afascismo’, cioè dire che i valori dell Resistenza e della Liberazione erano importanti ma il 1945 ha chiuso tutto. Così non è: la Costituzione è come una casa, le basi sono quei valori. Voi colpite quei valori, cade tutta la casa, cade la Costituzione. Infatti i tentativi di afascismo sono quelli che cercano di reintrodurre modelli come quelli di Orban in Ungheria”. A parlare, è Vannino Chiti, da poche settimane Presidente dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana, succedendo a Beppe Matulli, a pochi giorni dal 25 Aprile e nel pieno delle polemiche sul “caso Scurati”. E proprio a queste vicende fa riferimento Chiti quando fa riferimento ai motivi di “preoccupazione” anche all’Italia di oggi: “Si comincia dalla censure, e dalla censure si fanno leggi elettorali sbagliate, purtroppo non l’ha fatte soltanto la destra, e si cerca di mettere la subalternità della Corte Costituzionale e di altri organismi intermedi, e per questa via si svuota la democrazia”.

Chiti ha parlato in occasione delle presentazione di un’iniziativa dedicata alla conservazione della memoria storica: la digitalizzazione dell’archivio dell’Istituto Storico della Resistenza tramite un crowdfunding (servono 20 mila euro) sostenuto attivamente da Unicoop Firenze. “La Coop c’entra perché è anche la nostra storia. L’origine sta in quel mondo che costituì le cooperative, la Case del popolo, il sindacato, quel mondo cui sta a cuore il tema della memorie, di quel che è stato. delle eprsone che sono morte per la Libertà ha spiegato Claudio Vanni, responsabile comunicazione Unicoop Firenze.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

A Sollicciano “condizioni inumane” anche nella sezione femminile: sconto-pena di 42 giorni per una detenuta – ASCOLTA

* FIRENZE - Ancora uno sconto di pena per la violazione dell'articolo 3 della CEDU - condizioni "inumane e degradanti" di detenzione - al carcere di Sollicciano. In modo analogo a quanto già avvenuto più volte da inizio anno per alcuni detenuti della sezione maschile, stavolta la riduzione della pene è arrivata a favore di una detenuta di 38 anni: 42 giorni di sconto sul residuo pena, in relazione a […]

today22/04/2024


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%