News

Toscana Pride, festa di popolo e tensioni sotto il palco. Il portavoce: “Un episodio, l’importante è che Firenze e Toscana hanno risposto” – ASCOLTA

today10/07/2023

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Vincent Vallon, portavoce del Pride Toscana 2023, 10 luglio 2023

 

FIRENZE – Trentamila persone secondo la Questura, 50.000 per gli organizzatori: comunque si conti, per il Pride Toscana 2023 di sabato scorso a Firenze è stato un successo di partecipazione. Per certi versi inaspettato, come ammette stamani a Novaradio il portavoce della manifestazione, Vincent Vallon: “Ci attendevamo una bella risposta, anche in relazione agli attacchi degli ultimi mesi con il nuovo governo – dice – ma la partecipazione è andata oltre le aspettative, dando grande visibilità alle battaglie che stiamo combattendo”.

Non sono mancate nemmeno le polemiche e le tensioni – con un gruppo di manifestanti legati alle organizzazioni più radicali come il collettivo “MagniFica” – in avvio della manifestazione e in chiusura del corteo, dove si sono registrate tensioni davanti al palco e sono perfino intervenute le forze dell’ordine con delle cariche di alleggerimento. In un post sul profilo FB Arcigay Firenze scrive: “Siamo scossɜ e addoloratɜ per quanto è accaduto sabato al Toscana Pride. Quando in una manifestazione pacifica come la nostra si verificano momenti di tensione e scontri tra polizia e le collettive antagoniste a perdere siamo tutte e tutti”.

“Prima hanno voluto prendere la testa del corteo, ma a differenza di quanto concordato alla fine non volevano disperdersi. Anzi hanno occupato l’area di decompressione riservata alle famiglie arcobaleno e ai bambini e pretendevano di prendere la parola sul palco per primi” è la ricostruzione di  Vallon. “E’ solo un episodio, abbiamo comunque cercato di dargli la parola, e abbiamo anche annullato anche altri interventi. L’importante è che Firenze e la Toscana hanno risposto in modo numeroso, importante che si siano confermati degli alleati che hanno risposto in gran numero. C’eravamo e abbiamo rivendicato al governo quello che volevamo: per le famiglie trans e non binarie di poter cambiare la legge che regola i nostri percorsi; non toccare assolutamente i nostri e le nostre figli e figli che hanno diritto a vedere riconosciuti i loro genitori; contro la volontà del governo di rendere reato universale la gestazione per altri. E poi sarebbe tempo ci avere una legge che ci protegge dall’omobilesbotransfobia, una battagli sempre più in salita: è stato vergognoso vedere parlamentari che si permettevano di appaludire contro il rigetto di una legge che lottava contro la misoginia, l’abilismo e tante altre discriminazioni presenti nella società”.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

Carrara, arrivata la Geo Barents con 197 migranti. La sindaca: “Accogliere è un dovere, ma il governo finanzi nuovi centri SAI” – ASCOLTA

  CARRARA - E' entrata nel porto di Marina di Carrara (Massa Carrara) alle 7:30 la nave Geo Barents di Medici senza frontiere con 197 migranti a bordo, tra i quali 125 uomini, 11 donne, 60 minori di cui 47 non accompagnati. Si tratta del quarto sbarco di migranti al porto carrarino dal 30 gennaio scorso. Le operazioni di sbarco stanno procedendo con maggiore lentezza rispetto alla altre volte a […]

today07/07/2023


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%