News

Via Mariti, sospeso il taglio degli alberi. Giorgio promette una mediazione, lettera aperta dei residenti a Esselunga – ASCOLTA

today21/07/2023

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Maria Balducci, Comitato ex panificio militare, 1 luglio 2023

 

FIRENZE – Niente taglio delle alberature in via Mariti, almeno per il momento: l’abbattimento dei 34 tra pini e lecci è stato sospeso in attesa di un ulteriore confronto tra amministrazione comunale e Esselunga sulla possibilità di trovare soluzioni alternative. Nel frattempo dai cartelli temporanei comparsi nei giorni scorsi in via Mariti è scomparso ogni riferimento ai divieti di sosta per i lavori di abbattimento previsti dal 20 al 30 luglio in base all’ordinanza 4611/2023 della direzione Urbanistica.

E’ quanto è emerso ieri dall’incontro di ieri pomeriggio tra l’assessore all’ambiente Andrea Giorgio, assieme ai presidenti delle commissioni consiliari urbanistica e ambiente, con i residenti e i rappresentanti di comitati di zona e Italia Nostra, che nei giorni scorsi avevano lanciato l’allarme sull’imminente taglio legato alla costruzione del nuovo centro commerciale. L’assessore ha ascoltato le ragioni dei cittadini, che hanno espresso la loro contrarietà nel merito e nelle tempistiche al taglio in particolare dei 20 lecci ultracinquantennali, e prospettato ipotesi progettuali alternative che consentirebbero il mantenimento degli alberi, quantomeno dei lecci, piante sane, efficienti e relativamente giovani.

In base a quanto riferito dai comitati, l’assessore  ha chiarito che le piante in questione sono classificate in “fascia C” (a moderato rischio caduta,che non comporta l’obbligo di abbattimento) e spiegato che l’abbattimento da progetto non è legato in parte alla realizzazione della nuova rotatoria via Mariti – via Giovanni da Empoli al ridisegno della aiuola spartitraffico ma ai lavori al di sotto delle carreggiate adiacenti, ma si sarebbe anche impegnato a interloquire nuovamente con Esselunga per trovare soluzioni che preservino il verde esistente.

Da parte sua i residenti riuniti nel Comitato ex Panifico Militare ha diffuso una lettera aperta in cui si chiede ad Esselunga ed ai tecnici progettisti di riconsiderare la situazione e “valutare soluzioni tecniche – secondo noi praticabili- che consentano di salvare tanto i parcheggi esistenti a centro strada che gli alberi” e la loro funzione di mitigazione climatica e di abbattimento degli inquinanti. L’alternativa proposta prevede che nei varchi creati dagli abbattimenti dei pini vengano  aggiunti nuovi impianti, in modo da reintegrare il filare.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

Da Lampedusa a Taranto, via Livorno: l’odissea di 47 minori migranti. Il sindaco: “Un’indecenza” – ASCOLTA

    LIVORNO - Si sono concluse alle tre della scorsa notte al porto di Livorno le operazioni di sbarco dei migranti della Geo Barents rimasti a bordo dopo la prima tappa due giorni fa a Marina di Carrara. Dalla nave di MSF sono scese in tutto 132 persone: qualche decina in meno delle 103 inizialmente annunciate. Tra loro non solo adulti come si ipotizzava in un primo momento: a […]

today21/07/2023


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%