News

Dopo il salvataggio di 200 persone, fermo amministrativo per la Open Arms: “Decreto Piantedosi illegittimo, valutiamo ricorso” – ASCOLTA

today23/08/2023

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Veronica Alfonsi. pres. Open Arms Italia 23082023

CARRARA – Fermo amministrativo di 20 giorni e una sanzione accessoria da 3.500 euro. Il provvedimento, notificato ieri in serata alla nave “Open Arms” mentre si trovava nel porto di Marina di Carrara dove in giornata ha sbarcato 196 migranti salvati nelle acque del Mediterraneo Centrale, è scattato perché avrebbe violato il “decreto Piantedosi” effettuando un salvataggio multiplo, dopo aver ricevuto l’ordine di recarsi al “porto sicuro” toscano.

“Abbiamo fatto quello che più volte è già successo in questi ultimi giorni, intervenendo in soccorso di imbarcazioni in difficoltà che la Guardia Costiera non è in grado di aiutare” spiega a Novaradio la presidente di Open Arms Italia, Veronica Alfonsi. “Dopo aver prestato soccorso a 26 persone, e mentre si dirigevamo al porto assegnato di Carrara, abbiamo un avviso di Alarm Phone riguardo a due imbarcazioni in pericolo. In mancanza di risposte da parte del Centro di Coordinamento Marittimo, allertato anch’esso come la Open Arms, ci siamo recati a prestare assistenza, come previsto dalle Convenzioni internazionali e dal Diritto Marittimo Internazionale”.

“Le autorità italiane ci hanno invitato ad abbandonare la ricerca perché il caso era già stato preso in carico” ammette l’ONG in un comunicato che però aggiunge: “Alla richiesta di fornire alla nostra richiesta di maggiori informazioni, come ad esempio l’orario di arrivo dei soccorsi, non sono stati in grado di fornire alcuna risposta, per cui si è deciso di procedere al salvataggio delle 132 persone in pericolo. “L’operazione è durata circa 2 ore, durante le quali non si è presentata nessun assetto governativo”, cioè nessuna nave delle autorità italiane competenti, precisa ancora Alfonsi.

L‘ONG non esita a definire la direttiva Piantedosi illegittima: “Un decreto che impedisce di soccorrere vite non può essere considerato legittimo: soccorrere donne, bambini, uomini alla deriva non è una scelta, è un dovere morale e giuridico”. Anche per questo, aggiunge Alfonsi, si sta valutando con i propri legali un ricorso contro il provvedimento. Intanto però la nave rimane ferma al porto di Carrara, rendendole impossibile ulteriori soccorsi in mare: “Solo nell’ultimo mese abbiamo tratto in salvo 734 persone e aiutato altre 540”.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

News

Campo di Marte, i comitati: “Bene il dietrofront su albergo e centro commerciale, ma il sindaco si confronti con i cittadini” – ASCOLTA

  FIRENZE - Bene il dietrofront del sindaco Dario Nardella rispetto all'idea di realizzare nell'area "campini" di Campo di Marte l'hotel di lusso e il centro commerciale inizialmente previsti dal progetto, ma quel che conta sono gli atti concreti, a partire del nuovo Piano Operativo Comunale. Non si lascia andare a facili entusiasmi il comitato di residenti "Vitabilità" nel commentare le dichiarazioni di qualche giorno fa del primo cittadino, che […]

today23/08/2023


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%