News

Ex GKN, niente stipendi né Piano sociale. Gli operai: “Noi unico ostacolo alla speculazione”. E rilanciano la mobilitazione – ASCOLTA

today15/02/2024

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Dario Salvetti, Collettivo ex GKN, 15 febbraio 2024

*

FIRENZE – Nuova fumata nera all’incontro di martedì scorso: la QF ha negato il pagamento degli stipendi di gennaio (imposti dalla sentenza del Tribunale che ha annullato i licenziamenti) né ha presentato il Piano Sociale necessario all’attivazione della CIG ribadendo il refrain della “indisponibilità” della fabbrica presidiata. Tutto come previsto dagli operai della fabbrica, che parlano di “tattica della fame” e invitano le istituzioni ad agire: “Serve un prestito ponte per garantire stipendi e un intervento pubblico che rilevi lo stabilimento. La strategia speculativa della QF è chiara a tutti” sottolinea Dario Salvetti: “Altro che occupazione, di fronte all’inazione delle istituzioni, i nostri corpi sono l’unico ostacolo alla vendita e allo smantellamento della fabbrica”.

E la mobilitazione continua, con nuove iniziative nel fine settimana a Torino, dove si terrà la prima assemblea dell’azionariato popolare nord-ovest e per l’intervento pubblico. Primo appuntamento previsto per sabato 17 febbraio alle ore 14.30 presso il Csoa Gabrio – Via Francesco Millio 53 , con tutta l’area del nord-ovest. L’azionariato popolare – lanciato negli scorsi mesi dai lavoratori e dalle lavoratrici ex Gkn e che ha già raccolto dalla vendita di azioni e donazioni libere oltre 600mila euro – è parte della reindustrializzazione dal basso con il progetto della fabbrica pubblica e socialmente integrata: produzione cooperativistica, controllo sociale attraverso l’azionariato popolare, mutualismo e solidarietà con il territorio circostante.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

Uncategorized

Carceri, Altrodiritto: “Sovraffollamento e disumanità ai limiti. Vanno rafforzate le misure premiali per ridurre le pene” – ASCOLTA

* TOSCANA - Celle strapiene, condizioni di invivibilità, carenza di personale, scarso ricorso a pene alternative, mancanza di progetti intra ed extra carcerarie. È un campionario drammatico quello che contiene l'ultimi rapporto di Antigone sui penitenziari toscani: la situazione peggiore è a Sollicciano, ma condizioni gravi si registrano anche a Pisa, Livorno e San Gimignano. "Le istituzioni sono assenti" tuona il garante regionale Giuseppe Fanfani. "Nelle carceri italiane il sovraffollamento […]

today15/02/2024


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%