Cultura

Al Bargello nuovo allestimento per due sale. Osanna: “Nuovo direttore per museo unico a fine anno” – ASCOLTA

today07/06/2024

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Massimo Osanna, direzzione generale dei musei MIC

FIRENZE – “Le tempistiche” per il bando per il direttore del polo museale unico Bargello – Galleria dell’Accademia di Firenze “sono quelle dei normali concorsi, durano circa sei mesi, quindi per la fine dell’anno ci potrebbe essere il nuovo direttore”. Lo ha detto il direttore generale musei, Massimo Osanna, a margine della presentazione del riallestimento di due sale del Bargello

La sala delle Maioliche e quella Islamica al Museo nazionale, chiuse alle visite dal settembre 2023 proprio per consentire il montaggio delle vetrine e una nuova disposizione delle opere, riaprono al pubblico l’8 giugno. Il riallestimento, finanziato dal piano ‘Grandi progetti beni culturali’ del Mic per 2,2 milioni, consiste in un ripensamento del percorso espositivo, migliorando anche le modalità di conservazione e valorizzazione delle opere. Nella rinnovata sala Islamica trova spazio una selezione di metalli, avori, ceramiche oltre a tessuti e tappeti, per un totale di quasi 100 opere esposte, tra le più pregiate della ricca raccolta del Bargello, che possiede una delle principali collezioni d’arte islamica in Italia. A questa raccolta vanno ad aggiungersi i due antichi tappeti egiziani che lo Stato italiano ha acquistato nel 2022, esercitando il diritto di prelazione. Nella sala delle Maioliche sono esposte oltre 400 opere, selezione della raccolta del museo: ci sono maioliche superstiti della grandiosa raccolta dei Medici e lungo le pareti sono esposte maioliche, ceramiche graffite e mattonelle prodotte in Italia dal XIII al XX secolo, a cui si associa una selezione di esemplari realizzati dai vasai moreschi della Spagna islamizzata. Insieme all’apertura al pubblico delle due sale viene inaugurata una selezione delle 13 opere più rappresentative del salone di Donatello, concentrata sulla produzione dello scultore e di suoi contemporanei, che consentirà ai visitatori di ammirare i grandi capolavori della scultura rinascimentale quando sarà chiuso al pubblico il salone monumentale per lavori di restauro e riallestimento (fino alla fine di ottobre).

Parlando delle potenzialità del Bargello Osanna ha detto che “dovrebbe raggiungere almeno il milione di visitatori. Adesso siamo a qualche centinaio di migliaia, ma sicuramente dovrebbe aumentare anche in un’ottica di delocalizzare il turismo fiorentino”. “Effettivamente, all’Accademia la pressione antropica è significativa, le file sono numerose. Proprio pensando nell’ottica dell’unione dei due musei – ha aggiunto Osanna, riferendosi alla creazione del polo museale unico con Galleria dell’Accademia e Bargello – è importante fare una politica anche di comunicazione che cerchi di decongestionare un museo a favore dell’altro. Questo bisogna comunicarlo meglio perché è davvero un museo straordinario, unico”. “Capisco che il David di Michelangelo attragga più visitatori verso la Galleria dell’Accademia che lo custodisce – ha osservato Osanna – ma bisogna far capire che anche questo museo del Bargello è pieno di capolavori”. Nel 2023 i visitatori del complesso museale del Bargello – circuito che comprende anche le Cappelle Medicee, il Museo di Orsanmichele, Palazzo Davanzati e Casa Martelli oltre allo steso Bargello -, sono stati 610.000.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

Cultura

“Come Fiori” è il primo evento live per FreeSoloRadioClub – ASCOLTO

FIRENZE - Appuntamento venerdì 14 giugno al circolo Arci "Le Bagnese " a Scandicci con  il primo capitolo Live di "FreeSoloRadioClub", il podcast di musica elettronica ideato da Matilde Benvenuti in arte BLU, in onda tutti i giovedì su Novaradio. La serata ad ingresso libero parte alle 19 con un'apericena, a seguire in consolle si alterneranno fino a notte inoltrata BLU, ERMETE LO STIGE e JUNIO.

today07/06/2024


0%