News

Strage degli operai, in migliaia in piazza con Cgil e Uil: “Basta con le morti e con le chiacchiere. Il governo ci coinvolga” – ASCOLTA

today22/02/2024

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Maurizio Landini, segr,. naz. Cgil, su richieste al governo

  • cover play_arrow

    Pierpaolo Bombardier,segr naz. Uil su richieste al governo

  • cover play_arrow

    Maurizio Landini, segr,. naz. Cgil, su sfruttamento migranti

*

FIRENZE –  Tute bianche, caschi gialli da operai in testa, un garofano bianco in mano: così si son presentati molte delle migliaia persone (almeno 4.000) che ieri si sono riversate intorno al cantiere di via mariti dove venerdì sono morti 5 operai per la manifestazione-presidio indetta da Cgil e Uil. Presenti anche i segretari nazionali confederali Cgil e Uil, Maurizio Landini e Pierpaolo Bombaridieri, che hanno lanciato messaggi chiari al governo, che per lunedì prossimo ha annunciato un Consiglio dei Ministri in cui all’ordine del giorno ci sarà un pacchetto di misure per rafforzare la sicurezza sul lavoro.

Quello che i sindacati invocato è innanzitutto misure concrete su alcuni punti che da anni vengono segnalati: “Quello che è successo a Firenze dimostra che è necessario intervenire prima con la formazione e la prevenzione, durante con le ispezioni e dopo inasprendo le pene provando a inserire nel nostro ordinamento la previsione dell’omicidio per violazione delle norme sul lavoro” ha scandito Pierpaolo Bombardieri, segretario generale della Uil: “Bisogna accettare le proposte che il sindacato avanza da molto tempo, facendo saltare questa logica degli appalti al massimo ribasso, della mancanza dei controlli e dei subappalti a cascata”.

“Per quello che ci riguarda è il momento non del cordoglio ma di fare, di agire ed intervenire dove non si è fatto cambiando quelle leggi balorde che sono state fatte” ha tuonato Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, mettendo in fila una serie di provvedimenti concreti: “Il subappalto a cascata va cancellato – ha proseguito – bisogna introdurre la patente a punti, bisogna estendere il diritto alla formazione e alla prevenzione, bisogna aumentare le assunzioni agli ispettori e anche dei servizi di medicina del lavoro, e bisogna da questo punto di vista cancellare anche tutti quei sistemi che hanno portato qui addirittura a lavorare qui gente clandestina. La maggioranza di quelli che sono morti sono migranti, in alcuni casi clandestini”. Il merito delle misure va di pari passo con il metodo, che deve essere quello del confronto e non delle decisioni calate dall’alto, ha sottolineato ancora Landini: “Chiediamo che si apra una trattativa seria, di annunci, di chiacchiere ne ho già sentite anche troppe”, mentre il governo “è da luglio che non ci sta incontrando” ha affermato: “Siamo convocati lunedì mattina – ha proseguito -, bene, si apra una trattativa, non sia il solito film dove ci tengono mezz’ora a Palazzo Chigi per poi fare quello che vogliono”.

Sullo sfondo anche le condizioni di sistema che in Italia incentivano sfruttamento del lavoro e l’insicurezza dei lavoratori – dal caporalato diffuso, la precarizzazionee il lavoro a chiamata, i bassi salari, il taglio sui costi: “Bisogna cancellare la Bossi-Fini – ha addetto ancora Landini – perché non possono solo essere sfruttati i migranti, ma bisogna cancellare quelle leggi balorde che li mettono in condizione, sotto ricatto, di dover lavorare in certe condizioni.

Scritto da: Redazione Novaradio


Articolo precedente

Uncategorized

Al Teatro Cantiere Florida arriva “La Ferocia”, adattamento dal romando di Nicola Lagioia – ASCOLTA

  FIRENZE - Una saga familiare contemporanea per denunciare la furia del sistema patriarcale. È “La Ferocia”, adattamento dall’omonimo romanzo di Nicola Lagioia vincitore nel 2015 sia del Premio Strega che del Premio Mondello a cura del collettivo premio Hystrio VicoQuartoMazzini, in scena per la prima volta in Toscana venerdì 23 e sabato 24 febbraio ore 21.00 al Teatro Cantiere Florida di Firenze. La storia è quella di Vittorio Salvemini […]

today21/02/2024


Contatti & info

Novaradio Città Futura
La radio comunitaria dell’Arci di Firenze

FM 101.5 Firenze e area metropolitana
FM 87.8 Mugello

Tel 055 0351664
Piazza de’ Ciompi 11
50122 Firenze

0%